A genti i mari

Chidu chi ficimu

No cunta

E nun avi cuntari

Pe’ la speranza mia

E di la genti i mari.

 

Ogni gringia da iurnata,

Ogni murmuriu du ventu,

Chi basau e si ndìu,

Dassa nto’ cori

U cuntu da vita.

Ma a fatica esti menu dulurusa

Nto ffruntari sta nchianata.

 

Chidu chi ficimu

Nu cunta

E nun avi cuntari

Pecchì i iorna chi veninu

Ndannu atri nomi

E atri guai.

 

A genti i mari

Non avi tempu

Mu faci nu suntu

Di lacrimi perduti

Di basi dispensati

E di l’attimi chi sa fuiru.

 

 

TRADUZIONE

Titolo: La gente di mare

 

Ciò che abbiam fatto

non conta

e non deve contare

per la speranza mia

e della gente di mare.

 

Ogni smorfia della giornata

ogni sussurro del vento,

che ha baciato e se n’è andato,

lascia nel cuore

il conto della vita.

Ma la fatica è meno dolorosa

nell’affrontare questa salita.

 

Ciò che abbiam fatto

non conta

e non deve contare

perchè i giorni che verranno

hanno altri nomi

e altri guai

 

La gente di mare

non ha tempo

di fare un riassunto

delle lacrime perdute

dei baci dispensati

e degli attimi che sono fuggiti.

 

Giuseppe Caristena

 

 

Annunci