Lamolinara, «Monti sapeva» – CRONACA

Giallo sul blitz in Nigeria nel corso del quale sono stati uccisi giovedì 8 marzo, l’ingegnere italiano Franco Lamolinara e l’altro ostaggio Chris McManus. Sul banco degli imputati, la mancata informazione del governo italiano da parte delle autorità britanniche.
Un argomento al centro anche della stampa inglese. Secondo The Independent l’Italia era in qualche modo al corrente di quel che stava avvenendo in Nigeria. «La diplomazia britannica», si legge «era al corrente della presenza sul territorio delle forze speciali e sapeva che un mossa poteva scattare in tempi brevi». Inoltre Monti è stato informato dal David Cameron della «tragica conclusione» dell’operazione.
Ma se ascoltiamo la voce di Quirinale, Difesa e Farnesina, veniamo a sapere che «Monti è stato avvertito a blitz iniziato». In sintesi, l’Italia è stata allarmata a cose fatte.
LETALE UN COLPO IN TESTA. Sul come siano morti Lamolinara e McManus, il Daily Telegraph ha fatto sapere di essere stati uccisi dai rapitori «con un colpo ravvicinato alla testa prima ancora che le Sbs entrassero nel compound».
Secondo i media britannici non è chiaro perché le Sbs hanno attaccato di giorno la casa dove McManus e Lamolinara venivano tenuti ostaggio. «In casi ‘normali’», ha scritto il Daily Telegraph «un blitz del genere si sarebbe svolto di notte preferibilmente prima dell’alba». Ma «per ragioni che restano non chiare le Sbs sono state costrette a fare un attacco in pieno giorno».

su lettera43.it: Lamolinara, «Monti sapeva» – CRONACA.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...